Eventi

Venerdì 05 maggio 2017 ore 20,44: Concerto  musica  calssica presso  auditorium Pollini.

Domenica 14 maggio 2017: Incontro  sociale  per  soci e famigliari.

Domenica 21 maggio 2017: proiezione del  film storico: All’Ovest niente di nuovo”

Domenica 25 maggio 2017: “Domenica  al parco”

Chiusura delle Sede Sociale  dal 17/07/2017 al 04/09/2017

 

Este, 08/01/2018 Con la  attuale Presidenza terminano il Loro impegno anche il Consiglio Direttivo ed i responsabili della biblioteca che colgono l’occasione di ringraziare innanzi tutto il Presidente per la fiducia accordata e i  coci che hanno voluto onorare  con la loro presenza le varie iniziative proposte

I consiglieri e i  responsabili della biblioteca uscenti confidano  di poter proseguire anche in  futuro il loro impegno attento al rispetto dei  valori fondamentali del nostro sodalizio.

Cordiali saluti. Il  consiglio direttivo e  i  responsabili  della  biblioteca.

07/03/2018 Abbiamo  inserito  nel  calendario   che  appare  nella  videata  iniziale  sulla destra dello schermo la  serie  degli eventi in programma.

16/04/2018 I prossimi  2  mesi  sono particolarmente  densi di incontri,  sia  musicali  che  di  letteratura.  Ricordo che quasi ogni  mercoledì pomeriggio dalle 18 in poi  ha luogo il Caffè greco sperimentale, incontro  ormai  abituale. Si parla di  letteratura e altro  in maniera colloquiale  e informale.

Il 07/04/2018 presso il Salone delle Feste del GDL abbiamo  avuto un interessante  incontro  con l’autore Matteo Provasi.  Storico   esperto di storia del periodo  Estense nel periodo  rinascimentale.  Come  annunciato l’incontro si  è  confermato  assai interessante per le implicazioni  sociologiche,  antropologiche  di  notevole  attualità  derivate  dalla  conoscenza  di  fatti  antichi e circoscritti  nel Ducato Estense. Al  termine  della  esposizione,  animata anche  da un  gradevole  dibattito cui  hanno partecipato più  soci, in Sala  Benedetto Pelà con  un  ricco  convivio abbiamo  proseguito  la  reciproca  conoscenza. Il  convivio è stao  condotto  da  numerosi  soci e amici, notevolmente  affiatati e  esperti  ai  quali  va il  mio sentito ringraziamento.

La  seconda  fase della  conoscenza  con l’autore sarà  da  decidere  nei  dettagli,  date e  orari e vedrà noi  soco  che  andiamo  a Este  per visitare la Ferrara Ebraica, con il nostro cicerone.

Per  coloro i  quali, per motivi  organizzativi  non  hanno  potuto presenziare  cercherò  di  fare  un  modesto riassunto  della  parte storica   della serata in uno  dei prossimi  Caffè Greco

Il presidente Dott. Mario Pasetti

 

Este, 28/3/2019

Soci e simpatizzanti convenuti al Caffè Greco di ieri, numerosi e molto attenti, penso si siano congedati portando con sé nozioni, esperienza, consapevolezza.

Proponendo immagini collegate alle persone citate nella conferenza il prof. Pippo Sapienza , che ringrazio sentitamente, ha illustrato le radici familiari di Leo Benvenuti, sia paterne che materne, le consuetudini di allora , le frequentazioni della famiglia , l’indole delle persone, e il oro carattere derivandolo dalle opere pervenuteci.

Le opere letterarie di Leo sono state lette, riassunte e interpretate sia con la luce della sensibilità attuale ma anche, per quanto possibile, con la sensibilità dei tempi di pubblicazione delle stesse.

Sono state confrontate con opere di altri autori “maggiori “ da antologia della letteratura italiana . L’ inquadramento lucido e concentrato dell’amico Pippo mi è giunto particolarmente gradito. Lessi a suo tempo Verga e con minore attenzione qualche futurista; il riaffiorare dalla memoria di queste parte della nostra letteratura mi ha fatto apprezzare l’umanità di Leo Benvenuti, la consapevolezza delle proprie possibilità e la consapevolezza del suo ruolo nella società di allora.

Illusioni e delusioni nella intrapresa e abbandonata carriera militare, la filantropia pronunciata, la coscienza di beneficiare di privilegi e la disponibilità a alienare in generose donazioni parte del patrimonio mi fanno pensare a una persona animata da ideali di giustizia sociale e disposto a sacrificare del proprio per un miglioramento delle condizioni dei meno fortunati. Personalmente ritengo che quella borghesia fosse orientata a un sentito progresso sociale e civile, e che fosse guidata eticamente nelle scelte a volte penalizzanti anche pesantemente il profitto privato . ( Queste ultime però sono delle mie personali divagazioni sul tema. Rimango tuttavia del parere che ciascuno dei presenti di ieri abbia ora gli strumenti per trarre le proprie personali considerazioni e conclusioni).

Sono stati sapientemente indagati e proposti gli avvenimenti del “dopo Leo” con le vicissitudini della villa e del parco fino ai giorni nostri. Il tutto con una lucidità di esposizione e concentrazione, frutto di un lavoro lungo e certosino, riproposto con le dovute differenze nell’articolo dell’ultima Terra d‘Este. ( Disponibile in libreria Gregoriana e in sede).

Ricordo con l’occasione l’incontro con l’autore Federico Moro di sabato 30/03/2019 alle ore 18,00

Presenterà tre libri aventi come soggetto la storia di Venezia. Fanno parte di una collana di dieci volumi in corso di redazione e di stampa. In particolare si parlerà dell’inizio della grandezza di Venezia (1204-1205) , della guerra in Dalmazia del diciassettesimo secolo e dalla fine della repubblica marinara in epoca napoleonica. La serata integrerà la visita che facemmo lo scorso mese di Ottobre quando vedemmo di persona l’atto conclusivo, che sancì la fine della repubblica.

Con l’occasione porgo cordiali saluti.

Il Presidente ( dott Mario Pasetti)

Venerdì 17 maggio  abbiamo  fatto la  conoscenza  della autrice ELENA PASQUALIN che  ha presentato il  suo primo  romanzo: “E se non  fosse così” (Edizione Albatros) presso il nostro  circolo.

La  presentazione che  non  era  stata  concordata  ha  assunto la  forma  di un  dialogo fra me e Marilena che  avevamo letto in  precedenza  il  romanzo e la  autrice Elena. Senza minimamente indicarne la  trama,  è stato descritto lo  stile  narrativo  e le  chiavi  toccate  nel  corso  del  romanzo. A fine esposizione, i  temi  trattati hanno suscitato la  attiva partecipazione  da parte dell’uditorio, evidentemente  interessato ai  temi affrontati  nel  romanzo. Mi  sento  di  consigliarne  la  lettura voglio porgere  gli  auguri di in  bocca al lupo alla Autrice  che  ci  ha onorati  della sua  presenza, inserendo il nostro appuntamento in  una  serie  fitta  di  incontri, compresa la  presentazione  al salone  del libro  di  Torino proprio di questi  giorni.

Il Presidente  del Gabinetto di Lettura Dott. Mario Pasetti

Este, 21/11/2019

Desidero ringraziare cordialmente il regista Stefano Baccini e tutta la compagnia Teatro Veneto “Città Di Este” per la straordinaria proposta e rappresentazione de “La vedova” di Renato Simoni che ci ha intrattenuto ieri nel nostro Gabinetto di Lettura Domenica scorsa.

Le pesanti difficoltà legate alla rappresentazione di un’opera così affollata di interpreti in uno spazio tanto angusto sono state risolte magistralmente grazie all’esperienza e alla intraprendenza degli amici del Teatro Veneto “Città Di Este”. La professionalità dimostrata, la attualità dei testi, la recitazione molto sentita hanno contribuito a fare della serata un evento dotato di un fascino fuori dall’ordinario che ha suscitato nei presenti considerazioni profonde che certamente saranno poi state sviluppate individualmente.

Temi come gelosia, maternità e paternità, vita e morte sono stati affrontati in chiave psicologica e psicoanalitica con garbo e una finta leggerezza, portatrice di intime considerazioni. Ho ricevuto molte manifestazioni di gratitudine e compiacimento che non posso che girare ai veri destinatari : Stefano e la Compagnia Teatrale Città di Este.

Grazie ancora Stefano a grazie alla intera Compagnia da parte mia e del Gabinetto di Lettura.